Gli animali sanno meditare?

I benefici della meditazione “a sei zampe”

“Quando parli stai solo ripetendo quello che sai. Ma quando ascolti puoi imparare qualcosa di nuovo”. Dalai Lama

Meditare con il nostro amico a quattro zampe fa bene. A noi e a lui.

Quando gli spiriti si uniscono, si “allineano” spontaneamente ai ritmi della natura perchè avere una routine quotidiana è una delle maggiori inclinazioni dell’essere umano (e animale). Una passeggiata insieme nel bosco diventa così una specie di meditazione “a sei zampe”.

Restare in silenzio e ascoltare la voce delle foglie, osservare un uccello sui rami che saluta da quell’altezza. Ebbene, quel tepore e quella calma rallentano i battiti cardiaci e aiutano a non pensare.

Gli animali sono “sintonizzati” con l’energia universale e hanno una mente semplice e quieta perchè vivono nel presente e non si angosciano proiettando la mente nel futuro o nel passato.

E allora iniziamo ad accarezzarli. Questo primo contatto focalizzerà l’attenzione sulla loro presenza. Meditiamo in loro compagnia e al posto di rivolgere i palmi in alto, posiamo le mani sul loro dorso. Il canto di quel cuore diventerà per noi un mantra ancestrale, quella presenza una fonte di gioia se sintonizziamo i respiri.

Gli animali possono aiutarci a modificare i pensieri, sostituendo ai negativi quelli positivi. Sanno stupirci perchè hanno una percezione della realtà che va ben oltre la nostra.

La meditazione ha origini comuni per molti popoli della Terra. Si dice che abbia circa cinquemila anni di storia ed è stato provato scientificamente il suo potere terapeutico.

Soprattutto oggi che la mente è ipersollecitata da molte informazioni e pensieri ossessivi, l’introspezione aiuta a focalizzare l’attenzione su se stessi. Una sorta di igiene “mentale” che rafforza il sistema immunitario rendendoci resistenti alle malattie e alla paura del domani.

Guardare il cielo cercando un luogo e un momento in cui nessuno verrà a disturbarci. E poi iniziare a respirare lentamente. Espirare mandando via tutti i pensieri immaginando uno spazio esterno in cui si dissolvano. Inspirare riempiendo i polmoni di un senso di freschezza e vitalità.

Osservare un gatto apparentemente assopito di fronte a una finestra al sorgere del sole per ricevere l’energia del nuovo giorno appena incominciato. Non è malinconia ma una forma di meditazione.

gatto

 

 

 

Autore: Il Cane con la Valigia

Amo la Natura e gli Animali. Tutto senza distinzioni. Dal germoglio di lenticchia agli occhi meravigliosi del mio cane, miracolo incontrastato di questa mia vita. "Less is more" è da sempre il mio motto. Amo viaggiare con la mente, il corpo e il cuore. Da dieci anni Zeus mi accompagna e veglia su di me, mio angelo custode.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...